MODIFICA DEL MILLEPROROGHE ALLA LEGGE MONTI
PENSIONAMENTI A FAVORE DI COLORO CHE ASSITONO FIGLI GRAVEMENTE DISABILI

Comma 2 septies della legge 14 del 24/2/2012 di conversione del decreto legge n. 216 del 29/12/2011 (decreto milleproroghe)

2-septies. All'articolo 24 del decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011, n. 214, sono apportate le seguenti modifiche: a) al comma 14, dopo la lettera e) e' aggiunta la seguente: "e-bis) ai lavoratori che alla data del 31 ottobre 2011 risultano essere in congedo per assistere figli con disabilita' grave ai sensi dell'articolo 42, comma 5, del testo unico di cui al decreto legislativo 26 marzo 2001, n. 151, i quali maturino, entro ventiquattro mesi dalla data di inizio del predetto congedo, il requisito contributivo per l'accesso al pensionamento indipendentemente dall'eta' anagrafica di cui all'articolo 1, comma 6, lettera a), della legge 23 agosto 2004, n. 243, e successive modificazioni";

Si stabilisce che hanno  diritto al pensionamento  i lavoratori che  alla data del 31 ottobre 2011 risultano essere in congedo per assistere figli con disabilità grave ai sensi dell’articolo 42, comma 5, del testo unico di cui al decreto legislativo 26 marzo 2001, n. 151.
La condizione è quella di essere in congedo alla data del 31 ottobre 2011 e aver maturato,  entro un periodo non superiore  a  ventiquattro  mesi dall’inizio del predetto congedo, il requisito contributivo per l’accesso al pensionamento indipendentemente dall’età anagrafica di cui all’articolo 1, comma 6, lettera a), della legge 23 agosto 2004, n. 243, e successive modificazioni.

  Al riguardo, la circolare n. 35 del 14 marzo u.s. dell’INPS, al paragrafo 7.3.1 precisa che, per tale categoria di lavoratori,  il diritto al pensionamento si consegue, indipendentemente dall’età, in presenza di un requisito di anzianità contributiva non inferiore a quaranta anni.