SENTENZE DEI TRIBUNALI DEL LAVORO
FAVOREVOLI AL PERSONALE DIMESSO D'UFFICIO

Le sentenze del Tribunale del Lavoro di Benevento e di Acerra  sono favorevoli ai ricorrenti che maturano i 65 anni nel 2012 (entro il 31 agosto) ed erano stati dimessi d'ufficio dall'Amministrazione.

Premessa:
La legge 214/11 riconosce la conservazione del diritto acquisito per quanti al 31/12/2011 avevano maturato i requisiti per la pensione.
I beneficiari sono essenzialmente quanti avevano maturato quota 96.

Art. 24, comma3. Il lavoratore che maturi entro il 31 dicembre 2011 i requisiti di età e di anzianità contributiva, previsti dalla normativa vigente, prima della data di entrata in vigore del presente decreto, ai fini del diritto all'accesso e alla decorrenza del trattamento pensionistico di vecchiaia o di anzianità, consegue il diritto alla prestazione pensionistica secondo tale normativa e può chiedere all'ente di appartenenza la certificazione di tale diritto.
... omissis ...

La Pubblica Amministrazione ha interpretato la norma in modo estensivo anche ai fini dell'applicazione dell'art. 72. La circolare applicati della riforma Monti, la n. 2 della Funzione Pubblica, infatti afferma:
... omissis ...
Pertanto, l'amministrazione, nell'anno 2012 o negli anni successivi, dovrà collocare a riposo al compimento dei 65 anni (salvo trattenimento in servizio) quei dipendenti che nell'anno 2011 erano già in possesso della massima anzianità contributiva o della quota o comunque dei requisiti previsti per la pensione. Si raccomanda alle amministrazioni di verificare la situazione anagrafica e contributiva dei dipendenti prossimi al pensionamento, anche eventualmente attraverso la consultazione delle banche dati presso l'ente previdenziale di riferimento, al fine di verificare il momento di maturazione dei requisiti di età e di anzianità contributiva.  

Effettivamente il Giudice ha rilevato come il legislatore abbia voluto solo salvaguardare un diritto del dipendente, non le prerogative dell'amministrazione per le quali nessuna indicazione è contenuta nella norma.

Vai al testo della sentenza