INSEGNANTI DI SCUOLA DELL'INFANZIA CHE MATURANO I REQUISITI NEL 2021.

 


9/3/2020

In ottemperanza a quanto previsto dal comma 1, punto b-bis) dell'art. 2 del decreto legislativo n. 67 del 21 aprile 2011, l'INPS con il messaggio n. 793 del 28/2/20 comunica che quanti hanno ottenuto il riconoscimento di categoria con lavoro particolarmente gravoso  ai sensi dell'art. 1 del medesimo decreto legislativo e possiedono i requisiti per andare in pensione nel 2021, debbano presentare istanza per il riconoscimento del diritto entro il 1 maggio 2020.
Per quanto riguarda il personale della scuola sono interessati gli insegnanti di scuola dell'infanzia che al 31/12/2021 possono vantare 66 anni e 7 mesi di età (pensione di vecchiaia con requisiti ridotti) oppure 41 anni di servizio se hanno anche il riconoscimento di lavoratori precoci. Nessun vantaggio particolare per la pensione anticipata.
Naturalmente la platea interessata è molto scarsa perché la riduzione dei requisiti è irrisoria.
Quanti non presenteranno l'istanza entro il 1 maggio potranno accedere alla pensione al 1 settembre dell'anno successivo, cioè nel 2022. Il che significa che in pratica se non sono lavoratori precoci non usufruiranno dei requisiti ridotti in quanto dopo un anno potranno andare tranquillamente in pensione con i 70 anni richiesti normalmente.

 Messaggio INPS n. 793 del 28 febbraio 2020